La Culla di Giuda (recensione)

Da tempo, desideravo parlare dei lavori degli altri autori delle Edizioni Draw Up, la mia casa editrice. Finalmente, le circostanze sono state favorevoli. Se ho deciso di aprire con la recensione del romanzo “La culla di Giuda” è per riconoscenza verso Alessandro Vizzino, senza il cui spirito d’iniziativa “L’Itinerante di K’hell-Imar” probabilmente non sarebbe mai stato oggetto di una vera pubblicazione. Prometto ai miei valenti colleghi di penna che questa è solo la prima di una serie di recensioni che mi auguro molto lunga…

A Valentino Mastro, ex poliziotto titolare di un’agenzia d’investigazioni private, viene affidato un insolito incarico: ritrovare una serie di strumenti medievali di tortura, trafugati da un museo diretto da una donna facoltosa quanto seducente. Ben presto, però, l’ affaire si rivela ben più complicato e sinistro di quanto si potesse inizialmente supporre. Ai successivi macabri ritrovamenti dei terrificanti ammennicoli, fa da contrappunto la scomparsa di un alto esponente delle gerarchie vaticane, il cui destino appare da subito segnato. Seguendo indizi frammentari ed erronee intuizioni, il nostro protagonista, assieme ai suoi collaboratori, batte attraverso mezza Europa una pista costellata di arcani simboli massonici e tenebrose reminiscenze della Santa Inquisizione, sulla quale fa da sfondo l’inquietante eredità spirituale di Giuseppe Balsamo Conte di Cagliostro. Una disperata corsa contro il tempo porterà Valentino Mastro fino a Venezia dove, accortosi dell’ennesimo errore commesso, finalmente gli si dischiuderà l’inimmaginabile soluzione dell’enigma.
Dopo il pluripremiato master pièce “Sin”, Alessandro Vizzino, scrittore talentuoso e temerario editore, ripropone la sua istintiva inclinazione per il thriller con questo divertissement da leggere tutto d’un fiato, nel quale la scioltezza della narrazione e dell’intreccio lasciano intuire un cospicuo ma non invadente lavoro propedeutico di ricerca storica. Il risultato, piacevole e ricreativo, è una storia ben congegnata che coinvolge “in crescendo” pagina dopo pagina, fino al sorprendente finale.

download

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s